Categoria: Approfondimenti

LJIZlzHgQ7WPSh5KVTCB_Typewriter

Roth e i suoi autori: gli scrittori modello

James, Mann, Woolf, Flaubert, Dostoevskij: quali sono le influenze e le ambizioni letterarie dei protagonisti dei romanzi di Philip Roth (e di Roth stesso)?

Di Norman Gobetti / 6 dicembre 2018
roth_pop_biancamano

Roth e i suoi autori: gli scrittori fantasma

Pochi altri autori del recente passato – forse nessuno – hanno rappresentato come Philip Roth una maniera di concepire il rapporto tra letteratura e vita tanto radicale e allo stesso tempo tanto accessibile. Norman Gobetti, il traduttore di Roth, esplora questo groviglio da un punto di entrata particolare eppure fondamentale: i personaggi degli scrittori nei romanzi di Roth.

Di Norman Gobetti / 22 novembre 2018
developing-stories-michael-franksbig

Storie analogiche

Tra le colline verdeggianti di Laurel Canyon a Hollywood, passando per il giardino di Greenvalley Road e le stanze dei Formidabili Frank: Michael Frank ci fa dare una sbirciatina a luoghi e oggetti di una famiglia, la sua, ingarbugliata e fuori dal comune. Un inedito viaggio fotografico attraverso degli scatti che hanno il colore dei ricordi.

Di Michael Frank / 4 luglio 2018
N.Y. Library 5 ave.

Roth non va giù

Il racconto di grandezze, miserie, «lamenti» e «nemesi»: Marco Missiroli e un ritratto di Philip Roth tra famiglia, fughe a Praga, amicizie rinnegate, amori traditi e mal di schiena.

Di Marco Missiroli / 14 giugno 2018
IMG_6553

Philip Roth e io

Per ricordare il grande autore americano recentemente scomparso, pubblicheremo su Biancamano una serie di approfondimenti, articoli, materiali vari su Philip Roth. Iniziamo questo «Speciale Philip Roth» con un articolo che Alessandro Piperno dedicò al suo rapporto con il gigante di Newark.

Di Alessandro Piperno / 7 giugno 2018
photo-1518650806754-d6fc7bb5b5c8

La prospettiva di Polonio

Susanna Basso, oltre a tradurre Alice Munro, Julian Barnes, Ian McEwan e tanti altri, ha anche dato voce al premio Nobel Kazuo Ishiguro. Durante gli incontri del ciclo L’Autore Invisibile del Salone del Libro di Torino 2018, Basso ha tenuto una lezione su cosa significa tradurre Ishiguro e osservare il mondo «dalla prospettiva di Polonio».

Di Susanna Basso / 22 maggio 2018
photo-1509004584412-2ded8cbfb599

Nel silenzio avverrà la creazione

Hotel Silence di Auður Ava Ólafsdóttir è entrato nella cinquina finalista del Premio Strega Europeo 2018. Per festeggiare l'autrice e il premio, pubblichiamo una riflessione di Ólafsdóttir sulla genesi del romanzo, ispirazione, lingua, scrittura.

Di Auður Ava Ólafsdóttir / 10 aprile 2018
photo-1507415492521-917f60c93bfe

Perché tutti parlano di Parlarne tra amici

Il racconto perfetto della generazione millennial? O una storia universale di relazioni complicate? Uno squisito elogio dell’arte della conversazione? Un modernissimo romanzo all’antica? Ecco quello che se ne scrive in giro e perché tutti parlano di Parlarne tra amici.

Di Redazione / 2 marzo 2018
IMG-5035

Viaggio a Archer City

Tra diner malinconici, cinema nel deserto e romantiche librerie dell'usato: un viaggio fisico e sentimentale nel Texas di McMurtry e McCarthy.

Di Marta Ciccolari Micaldi / 11 gennaio 2018
photo-1469724053707-ca040f6b8a7e

Sui sentieri di Lonesome Dove

Il 1985 è stato un anno fondamentale per la letteratura americana: tra gli altri, uscirono a distanza di poche settimane anche due tra i più importanti romanzi western mai scritti, Meridiano di sangue di Cormac McCarthy e Lonesome Dove di Larry McMurtry.

Di Tommaso Pincio / 29 dicembre 2017
86DE7986-5B33-463A-BF79-572DB8037CB4

Philip Roth: «Il romanzo non è morto»

La fine della scrittura e la sopravvivenza della lettura, anche in quello che Bellow definiva «l'inferno della stupidità». E poi l'America di Trump, la forza del romanzo, la creatività: una lunga conversazione con Philip Roth.

Di Dario Olivero / 11 dicembre 2017
22196474_1932613083432287_1573368658847519668_n

Il premio Nobel a Kazuo Ishiguro!

Il 5 ottobre 2017 Kazuo Ishiguro è stato insignito del premio Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: «in romanzi di grande potenza emotiva, ha svelato l'abisso che si spalanca sotto l'illusorietà del nostro legame col mondo».

Di Redazione / 9 ottobre 2017