mehta1

La vita segreta delle città

«Non si può impedire alla gente di varcare confini tracciati dall’uomo piú di quanto lo si possa impedire agli uccelli o alle nuvole». Sono tempi di grandi cambiamenti: Suketu Mehta può essere la guida giusta per orientarsi.

Di Suketu Mehta / 1 febbraio 2017
tumblr_mjjin4CKPA1r68ah8o1_500

Fascino indiano

Il 25 novembre è morto a 72 anni Dileep Padgaonkar, giornalista e scrittore indiano, a lungo direttore del «Times of India». Nel 2011, Einaudi aveva pubblicato Stregato dal suo fascino, la ricostruzione dell'incontro tra Roberto Rossellini e l'India.

Di Dileep Padgaonkar / 2 dicembre 2016
barnes-evi2

La passione di Šostakovič secondo Barnes

Dmitrij Sostakovic ha gia riscosso successi in patria e in mezzo mondo quando il compagno Stalin in persona emette l'inappellabile condanna: la sua non è musica, è solo caos. La «passione» di Šostakovič raccontata da Julian Barnes è il conflitto eterno tra un coraggio irragionevole, clamoroso e concentrato, e uno...

Di Marco Ravasini / 11 novembre 2016
delillo-rassegna-ev

DeLillo, Italia

La pubblicazione italiana di Zero K ha innescato una serie impressionante di reazioni critiche. Non solo recensioni e interviste, ma anche i più vari approfondimenti che, a partire da Zero K, riportano a tutta la produzione di Don DeLillo e alla sua centralità nella riflessione sul contemporaneo.

Di Redazione / 2 novembre 2016
hoare-difronzo

La cometa bianca

È molte cose una balena: un mondo, un viaggio al centro della terra, un'ossessione. Può anche essere un circo di idee e visioni come in questo sillabario sentimentale di Gabriele Di Fronzo.

Di Gabriele Di Fronzo / 24 ottobre 2016
evidenza-zero-k-aceto

La fine delle parole

«Tutti vogliono possedere la fine del mondo» ma alcuni vogliono conoscere il fine delle parole, altri ancora vivono alla fine delle parole. Una meditazione sul linguaggio e sul suo potere, sui nomi e la loro capacità di plasmare il mondo in cui viviamo: questo e altro è Zero K di...

Di Federica Aceto / 11 ottobre 2016
proustclose1

Manet in guanti gialli

In molti dipinti di Manet, dal bar delle Folies-Bergère al ritratto di Antonin Proust, compaiono dei guanti gialli in pelle, come dei punti di luce o come un segnale segreto per indicare amici particolarmente cari. Maureen Gibbon, l'autrice di Rosso Parigi, ci accompagna in questa piccola ossessione del pittore impressionista.

Di Maureen Gibbon / 6 ottobre 2016
sok

Hwang Sŏk-yong, il maestro coreano

Monaco e soldato, filosofo e dissidente, voce libera e irriverente, costantemente in odore di Nobel per la letteratura, per Kenzaburo Oe «Hwang Sok-yong è senza dubbio il migliore ambasciatore della letteratura asiatica». Un profilo del più importante autore coreano vivente.

Di Andrea de Benedittis / 3 ottobre 2016
gibbon-evidenza

Chi era davvero Victorine?

Amante, modella, artista: Victorine Meurent è stata tante cose. Ma soprattutto è stata una donna forte che ha saputo ritagliarsi un ruolo di primo piano nella storia dell'impressionismo. Ma qual era il suo vero volto? Se l'è chiesto anche l'autrice di Rosso Parigi.

Di Maureen Gibbon / 29 settembre 2016
eveidenza-hamid

In forma con Murakami

«Avevo bisogno di sbloccarmi. E, avvicinandomi ai quarant’anni, avevo ormai esaurito tutti i soliti trucchi usati dagli scrittori per scrollarsi di dosso la routine: viaggiare con sostanze chimiche, spezzarsi il cuore, cambiare continente, sposarsi, fare un figlio, mollare il lavoro, eccetera. Ero disperato. Cosí ho cominciato a camminare».

Di Mohsin Hamid / 21 settembre 2016
didino-slider

Paesaggi alterati

Alle radici del nature writing contemporaneo. Erede di una nobile tradizione, la scrittura della «natura dopo la fine della natura» è però molto cambiata. Ecco il nature writing al tempo dell'antropocene, da Sebald a J. G. Ballard, tra natura e cultura.

Di Gianluca Didino / 14 luglio 2016
olaf-evidenza

Da sola sulla spiaggia nera

L'autrice di Rosa candida torna in libreria con il suo primo romanzo, mai tradotto in italiano, e profondamente rivisto. In questo brano inedito racconta come l'ha scritto... anche grazie alle luminose notti islandesi!

Di Auður Ava Ólafsdóttir / 29 giugno 2016