eveidenza-hamid

In forma con Murakami

«Avevo bisogno di sbloccarmi. E, avvicinandomi ai quarant’anni, avevo ormai esaurito tutti i soliti trucchi usati dagli scrittori per scrollarsi di dosso la routine: viaggiare con sostanze chimiche, spezzarsi il cuore, cambiare continente, sposarsi, fare un figlio, mollare il lavoro, eccetera. Ero disperato. Cosí ho cominciato a camminare».

Di Mohsin Hamid / 21 settembre 2016
didino-slider

Paesaggi alterati

Alle radici del nature writing contemporaneo. Erede di una nobile tradizione, la scrittura della «natura dopo la fine della natura» è però molto cambiata. Ecco il nature writing al tempo dell'antropocene, da Sebald a J. G. Ballard, tra natura e cultura.

Di Gianluca Didino / 14 luglio 2016
olaf-evidenza

Da sola sulla spiaggia nera

L'autrice di Rosa candida torna in libreria con il suo primo romanzo, mai tradotto in italiano, e profondamente rivisto. In questo brano inedito racconta come l'ha scritto... anche grazie alle luminose notti islandesi!

Di Auður Ava Ólafsdóttir / 29 giugno 2016
karenina evidenza5

«Oddio! Da quando in qua ha certe orecchie?»

Per celebrare la nuova traduzione di Anna Karenina, pubblichiamo le pagine del famoso incontro sul treno tra Anna e Vronskij, precedute da un testo dell'autrice della nuova traduzione: Claudia Zonghetti.

Di Lev Tolstoj / 21 giugno 2016
franzen-intervista-evidenza

Alla ricerca di Purity

Come nasce un personaggio? Da dove vengono le trame? Come si racconta il carisma? E l’idea di purezza non è un po’ turpe? Jonathan Franzen racconta come è nato Purity e le montagne che ogni scrittore deve scalare.

Di Jonathan Franzen e Laura Miller / 8 giugno 2016
eveidenza-hemon-mig

Il letale trattamento dei rifugiati in Europa

Chiudere la porta in faccia ai migranti vuole dire chiudere la porta in faccia al futuro. Una riflessione dell'autore del Progetto Lazarus .

Di Aleksandar Hemon / 19 maggio 2016
revelli-evidenza

Via da Montefeltro

Pochi metri di distanza in una strada possono dividere i mondi lontanissimi di un paese che cambia. Come a Torino, in via da Montefeltro: dove pochi metri separano una fabbrica dismessa dai laboratori dove si progetta il futuro.

Di Marco Revelli / 13 maggio 2016
tobagi

Una stella incoronata di buio

Il presente è sempre un dopo, per chi sopravvive. Per la Giornata della memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi, pubblichiamo una riflessione di Benedetta Tobagi.

Di Benedetta Tobagi / 9 maggio 2016
strout-benini

Di madre in figlia

Quando la vecchia vita torna e chiama, torna per chiederti chi sei diventata e anche chi ti credi di essere, torna e porta con sé un’angoscia, un’idea di buio, in quel momento non si può più scappare. Lo sa bene Lucy Barton.

Di Annalena Benini / 30 aprile 2016
far-evidenza

Una biancaneve nera

Helen Oyeyemi impasta con il lievito delle fiabe la nuova letteratura africana, quella di chi si è allontanato dall'Africa. Da Cole a Adichie e ora Oyeyemi, è la generazione che sta rifondando il racconto di un continente.

Di Daniela Fargione / 20 aprile 2016
enz-evidenza

Un decennio tumultuoso

Cosa sono stati gli anni Settanta per la Germania e l'Europa? I dispacci di Hans Magnus Enzensberger da un decennio tumultuoso.

Di Enrico Ganni / 12 aprile 2016
intervista-hemon-evidenza

«Un ottovolante di sesso e violenza»

Spinoza e Trump, i rifugiati e l'Europa, il comico e la tragedia: dieci domande all'autore de L'arte della guerra zombi.

Di Aleksandar Hemon / 6 aprile 2016