Telescopio è la rubrica settimanale in cui segnaliamo le notizie e gli articoli più interessanti, a giudizio della redazione di Biancamano 2, usciti in rete in Italia e all’estero.

Sul «Rolling Stone», Aleksandar Hemon racconta la storia di Ljilja, fuggita per un soffio dai massacri della guerra in Bosnia e rifugiatasi a Parigi col marito e un bambino appena nato, e di suo figlio Damir, oggi un brillante ingegnere specializzato in intelligenza artificiale.

Se Damir e quelli come lui non sono il futuro della Francia e dell’Europa allora nulla lo è. Chiudendo la porta ai rifugiati, l’Unione europea sta chiudendo il coperchio della propria bara.

Continua su «Rolling Stone».


stelle
 

Su «il Venerdì» di «Repubblica», Tiziana Lo Porto intervista Helen Macdonald: ne viene fuori un bel dialogo su rapaci, lutto e David Bowie.

Nel 2007 la ricercatrice, naturalista e scrittrice inglese Helen Macdonald perde il padre, il fotografo londinese Alisdair Macdonald (suo il celebre scatto di Carlo e Diana sposi che si baciano sul balcone di Buckingham Palace). La reazione nel breve periodo è vivere il lutto in solitudine. Appassionata di uccelli rapaci fin da bambina e con una lunga esperienza da falconiera alle spalle, dopo qualche mese Macdonald decide di comprare un astore (della stessa famiglia dei falchi, l’astore è un po’ più grande e soprattutto più feroce e imprevedibile) e di allevarlo.
L’astore è una lei e ha dieci settimane. Macdonald la chiama Mabel, dal latino amabilis, amabile, degno d’amore, nel rispetto della credenza diffusa tra i falconieri che l’abilità di un rapace sia inversamente proporzionale alla ferocia del suo nome. Insieme trascorrono una stagione: Mabel impara a volare e cacciare, Macdonald diventa quasi animale per un po’, per poi capire che l’unica strada praticabile è tornare tra gli umani.

Si può leggere tutta su Minima et moralia.


stelle
 

Ancora un’intervista: su Nippop quella di Francesca Scotti a Lorenzo Ceccotti.


stelle
 

E per finire: domani è San Valentino e sul «New York Times» Francine Prose propone un quiz sui classici della narrativa romantica e non solo.