Selection Day

È in arrivo il Selection Day

Netflix ha prodotto una serie tratta da Selection Day, romanzo del Booker Prize Aravind Adiga. È la prima serie indiana della piattaforma: ecco il trailer.

Di Redazione / 10 dicembre 2018
LJIZlzHgQ7WPSh5KVTCB_Typewriter

Roth e i suoi autori: gli scrittori modello

James, Mann, Woolf, Flaubert, Dostoevskij: quali sono le influenze e le ambizioni letterarie dei protagonisti dei romanzi di Philip Roth (e di Roth stesso)?

Di Norman Gobetti / 6 dicembre 2018
cover

Una nota alle note

«Eh bien, mon prince» è ancora lì.

Di Redazione / 30 novembre 2018
roth_pop_biancamano

Roth e i suoi autori: gli scrittori fantasma

Pochi altri autori del recente passato – forse nessuno – hanno rappresentato come Philip Roth una maniera di concepire il rapporto tra letteratura e vita tanto radicale e allo stesso tempo tanto accessibile. Norman Gobetti, il traduttore di Roth, esplora questo groviglio da un punto di entrata particolare eppure fondamentale: i personaggi degli scrittori nei romanzi di Roth.

Di Norman Gobetti / 22 novembre 2018
COP_svc_Murakami_Assassinio_commendatore2

Un romanzo è un cambiamento interiore

In questa intervista esclusiva per l'Italia, Murakami Haruki parla dell'Assassinio del Commendatore, delle opere che ne hanno influenzato la genesi (da Mozart a... Fitzgerald), dei suoi misteri e dei suoi possibili significati. Ma anche del rapporto tra l'immaginazione e la vita, la fede e i progetti di scrittura futuri.

Di Redazione / 14 novembre 2018
mente

L’estrema libertà del dubbio

Chi sono io? E «dove» sono? È solo il cervello a pensare oppure, a modo loro, pensano anche gli altri organi? E, del resto, cosa vuol dire pensare? Armata dell'accuratezza di una studiosa e della passione di una scrittrice, Siri Hustvedt decide di portare il problema mente-corpo sul banco degli imputati. In questo dialogo condotto da Vincenzo Santarcangelo ne discutono...

Di Vincenzo Santarcangelo / 17 ottobre 2018
sal new

Sal non s’arrende

Sal ha imparato a costruire un riparo con corde e frasche, fabbricare un arco, accendere un fuoco. E da brava «Centennial», la generazione che non ha conosciuto un mondo senza internet, lo ha imparato grazie alla rete e ai tutorial di Youtube. Perché Sal ha solo tredici anni, ma farebbe di tutto per proteggere la sorellina Pepa, anche scappare nelle...

Di Mick Kitson / 8 ottobre 2018
developing-stories-michael-franksbig

Storie analogiche

Tra le colline verdeggianti di Laurel Canyon a Hollywood, passando per il giardino di Greenvalley Road e le stanze dei Formidabili Frank: Michael Frank ci fa dare una sbirciatina a luoghi e oggetti di una famiglia, la sua, ingarbugliata e fuori dal comune. Un inedito viaggio fotografico attraverso degli scatti che hanno il colore dei ricordi.

Di Michael Frank / 4 luglio 2018
IMG_6889

Tanti auguri Ian!

Evoca funivie e squali, Peter Pan ed esami di maturità. Ian McEwan compie settant’anni e, per festeggiare la sua inesauribile fantasia e augurare e a lui e a tutti noi cento di questi giorni, alcuni lettori speciali attingono ai loro ricordi.

Di Redazione / 21 giugno 2018
N.Y. Library 5 ave.

Roth non va giù

Il racconto di grandezze, miserie, «lamenti» e «nemesi»: Marco Missiroli e un ritratto di Philip Roth tra famiglia, fughe a Praga, amicizie rinnegate, amori traditi e mal di schiena.

Di Marco Missiroli / 14 giugno 2018
IMG_6553

Philip Roth e io

Per ricordare il grande autore americano recentemente scomparso, pubblicheremo su Biancamano una serie di approfondimenti, articoli, materiali vari su Philip Roth. Iniziamo questo «Speciale Philip Roth» con un articolo che Alessandro Piperno dedicò al suo rapporto con il gigante di Newark.

Di Alessandro Piperno / 7 giugno 2018
photo-1518650806754-d6fc7bb5b5c8

La prospettiva di Polonio

Susanna Basso, oltre a tradurre Alice Munro, Julian Barnes, Ian McEwan e tanti altri, ha anche dato voce al premio Nobel Kazuo Ishiguro. Durante gli incontri del ciclo L’Autore Invisibile del Salone del Libro di Torino 2018, Basso ha tenuto una lezione su cosa significa tradurre Ishiguro e osservare il mondo «dalla prospettiva di Polonio».

Di Susanna Basso / 22 maggio 2018