«I libri sono la continuazione l’uno dell’altro nonostante la nostra abitudine a giudicarli separatamente». Virginia Woolf
  • slider-lappin
  • slider-rapsodia
  • mehta-evidenza
  • slider-barnes
  • slider-delillo-recensioni
  • hoare-ev
  • slider-zero-k-aceto
  • sok-slider
  • slider-gibbon-1
Ultimi articoli
  • Tutti gli scrittori espatriati hanno una storia da raccontare su come hanno trovato casa in una lingua straniera.

  • Una lettera che arriva con trentatre anni di ritardo, una band da rimettere insieme, Parigi e amori che non sbiadiscono: una nuova storia da Antoine Laurain.

  • «Non si può impedire alla gente di varcare confini tracciati dall’uomo piú di quanto lo si possa impedire agli uccelli o alle nuvole». Sono tempi di grandi cambiamenti: Suketu Mehta può essere la guida giusta per orientarsi.

  • Il 25 novembre è morto a 72 anni Dileep Padgaonkar, giornalista e scrittore indiano, a lungo direttore del «Times of India». Nel 2011, Einaudi aveva pubblicato Stregato dal suo fascino, la ricostruzione dell’incontro tra Roberto Rossellini e l’India.

  • La «passione» di Šostakovič raccontata da Julian Barnes è il conflitto eterno tra un coraggio irragionevole, clamoroso e concentrato, e uno ragionevole, più discreto e distribuito nell’arco del tempo.

  • La pubblicazione italiana di Zero K ha innescato una serie impressionante di reazioni critiche. Non solo recensioni e interviste, ma anche i più vari approfondimenti che, a partire da Zero K, riportano a tutta la produzione di Don DeLillo e alla sua centralità nella riflessione sul contemporaneo.

  • È molte cose una balena: un mondo, un viaggio al centro della terra, un’ossessione. Può anche essere un circo di idee e visioni come in questo sillabario sentimentale di Gabriele Di Fronzo.

  • «Tutti vogliono possedere la fine del mondo» ma alcuni vogliono conoscere il fine delle parole, altri ancora vivono alla fine delle parole. Una meditazione sul linguaggio e sul suo potere, sui nomi e la loro capacità di plasmare il mondo in cui viviamo: questo e altro è Zero K di Don DeLillo, secondo la sua traduttrice.

  • In molti dipinti di Manet, dal bar delle Folies-Bergère al ritratto di Antonin Proust, compaiono dei guanti gialli in pelle, come dei punti di luce o come un segnale segreto per indicare amici particolarmente cari. Maureen Gibbon, l’autrice di Rosso Parigi, ci accompagna in questa piccola ossessione del pittore impressionista.

Telescopio
  • Mohsin Hamid e i pericoli della nostalgia; Mary Gaitskill, il femminismo e Trump; Murakami Haruki e il suo nuovo romanzo: le letture e le notizie del weekend.

  • Raccontare la vita segreta delle città, cosa fare quando si comprano così tanti libri da non riuscire a leggerli, e qualche consiglio su come sopravvivere ai prossimi quattro anni: le letture più interessanti del weekend.

  • Quali sono state le tendenze del romanzo sotto la presidenza Obama? E quale sarà la risposta degli scrittori all’elezione di Trump? Questo e altro tra le letture più interessanti dal mondo della settimana.

Una frase
  • Tutti vogliono possedere la fine del mondo.

    — Don DeLillo, Zero K

  • Il concetto di testo definitivo appartiene unicamente alla religione o alla stanchezza.

    — J. L. Borges, Le versioni omeriche

  • Fu la notte in cui Mrs Bridge decise che se il matrimonio poteva anche essere un rapporto alla pari, l’amore non lo era

    — Evan S. Connell, Mrs Bridge

  • Non c’era felicità piú grande, secondo mio padre, che sposare una ragazza dopo aver letto dei libri insieme a lei, in nome di un comune ideale. Lui l’aveva detto a mia madre, parlando della felicità di qualcun altro.

    — Orhan Pamuk, La donna dai capelli rossi