sal new

Sal non s’arrende

Sal ha imparato a costruire un riparo con corde e frasche, fabbricare un arco, accendere un fuoco. E da brava «Centennial», la generazione che non ha conosciuto un mondo senza internet, lo ha imparato grazie alla rete e ai tutorial di Youtube. Perché Sal ha solo tredici anni, ma farebbe...

Di Mick Kitson / 8 ottobre 2018
developing-stories-michael-franksbig

Storie analogiche

Tra le colline verdeggianti di Laurel Canyon a Hollywood, passando per il giardino di Greenvalley Road e le stanze dei Formidabili Frank: Michael Frank ci fa dare una sbirciatina a luoghi e oggetti di una famiglia, la sua, ingarbugliata e fuori dal comune. Un inedito viaggio fotografico attraverso degli scatti...

Di Michael Frank / 4 luglio 2018
IMG_6889

Tanti auguri Ian!

Evoca funivie e squali, Peter Pan ed esami di maturità. Ian McEwan compie settant’anni e, per festeggiare la sua inesauribile fantasia e augurare e a lui e a tutti noi cento di questi giorni, alcuni lettori speciali attingono ai loro ricordi.

Di Redazione / 21 giugno 2018
N.Y. Library 5 ave.

Roth non va giù

Il racconto di grandezze, miserie, «lamenti» e «nemesi»: Marco Missiroli e un ritratto di Philip Roth tra famiglia, fughe a Praga, amicizie rinnegate, amori traditi e mal di schiena.

Di Marco Missiroli / 14 giugno 2018
IMG_6553

Philip Roth e io

Per ricordare il grande autore americano recentemente scomparso, pubblicheremo su Biancamano una serie di approfondimenti, articoli, materiali vari su Philip Roth. Iniziamo questo «Speciale Philip Roth» con un articolo che Alessandro Piperno dedicò al suo rapporto con il gigante di Newark.

Di Alessandro Piperno / 7 giugno 2018
photo-1518650806754-d6fc7bb5b5c8

La prospettiva di Polonio

Susanna Basso, oltre a tradurre Alice Munro, Julian Barnes, Ian McEwan e tanti altri, ha anche dato voce al premio Nobel Kazuo Ishiguro. Durante gli incontri del ciclo L’Autore Invisibile del Salone del Libro di Torino 2018, Basso ha tenuto una lezione su cosa significa tradurre Ishiguro e osservare il...

Di Susanna Basso / 22 maggio 2018
photo-1509004584412-2ded8cbfb599

Nel silenzio avverrà la creazione

Hotel Silence di Auður Ava Ólafsdóttir è entrato nella cinquina finalista del Premio Strega Europeo 2018. Per festeggiare l'autrice e il premio, pubblichiamo una riflessione di Ólafsdóttir sulla genesi del romanzo, ispirazione, lingua, scrittura.

Di Auður Ava Ólafsdóttir / 10 aprile 2018
photo-1440624949267-b8aa7b7293a4

Morte di una falena

Il 28 marzo 1941 morì, lasciandosi annegare nel fiume Ouse, Virginia Woolf. Morte di una falena è molto probabilmente l'ultimo testo scritto da Woolf – prima della sua ultima lettera al marito. L'ha tradotto per noi Anna Nadotti che firma anche una nota.

Di Virginia Woolf / 28 marzo 2018
Gosia Turzeniecka, Coppia, acquerello su carta, 2005

La parola torna al corpo

La scrittura: una ricerca instancabile, una rinuncia impossibile. Arlene Heyman e il percorso eccezionale che l'ha portata a Il buon vecchio sesso fa paura. Da Malamud a Roth, dall'analisi a #MeToo, la psicoanalista e scrittrice si racconta a Leonetta Bentivoglio. Senza censura.

Di Leonetta Bentivoglio / 14 marzo 2018
photo-1507415492521-917f60c93bfe

Perché tutti parlano di Parlarne tra amici

Il racconto perfetto della generazione millennial? O una storia universale di relazioni complicate? Uno squisito elogio dell’arte della conversazione? Un modernissimo romanzo all’antica? Ecco quello che se ne scrive in giro e perché tutti parlano di Parlarne tra amici.

Di Redazione / 2 marzo 2018
borne03

Nei mondi di Borne e VanderMeer

Borne di Jeff VanderMeer è stato accolto come uno dei romanzi più visionari e innovativi di questi anni «mutanti». Capace, attraverso il fantastico, di raccontare davvero il presente.

Di Redazione / 19 febbraio 2018
IMG-4795

Dalla teoria alla pratica della vita

Frances ha eretto muri altissimi per proteggersi dalle sue insicurezze, anche agli occhi della brillante Bobbi, ex amante e migliore amica: ma tutti i muri sono fatti per crollare. Parlarne tra amici «coglie l'attimo in cui siamo passati, quasi all'improvviso, dalla teoria alla pratica dell'esistenza», scrive Paolo Giordano.

Di Paolo Giordano / 15 febbraio 2018